Ricerca Avviata

Archivio vecchio sito

Archivio pagine e progetti pubblicati sul sito al precedente dominio - isissmatese.it

Indice dell'archivio


Trinity

http://www.isissmatese.it/trinity - prima pubblicazione:  29/10/2014

IL PROGETTO TRINITY

     L’ISISS di Piedimonte Matese gode dello status di “full centre”, centro di esame registrato  Trinity College London (Centre n. 53131) dall’a.s. 2012-2013. Il Trinity College London rappresenta uno dei più accreditati centri di valutazione delle competenze linguistiche di second language learners. E’, inoltre, uno degli Enti che ha firmato il Protocollo d'intesa con il Ministero della Istruzione nel gennaio 2000, in virtù del quale è stato incluso nella lista degli enti certificatori che si trova sul Protocollo d'intesa sottoscritto nel maggio 2001, tra il MIUR e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI). Ad oggi il nostro centro Trinity ha certificato con successo più di ottanta candidati, tra studenti e docenti, interni ed esterni all’istituto.

    Il progetto Trinity si pone l’obiettivo di favorire l’apprendimento della lingua inglese in maniera “attiva”, mediante la costituzione di contesti linguistici appropriati e fornendo agli studenti modelli di pronuncia standard (British English). Si intende quindi sviluppare nei corsisti un processo di consolidamento della lingua inglese che permetterà loro di far propria una competenza comunicativa per esprimersi e comprendere in un contesto di lingua inglese, sostenendo conversazioni e instaurando rapporti interpersonali.

    L'esame per la certificazione comprende una vasta gamma di attività che riflettono fedelmente il processo di apprendimento. È incentrato sulla competenza linguistica in "General English" e consiste in un colloquio individuale con un esaminatore madrelingua inviato dal Trinity College London presso il centro, durante il quale il candidato, dal grado 4 in poi, propone anche argomenti di sua scelta, muovendosi liberamente tra gli ambiti più vari: vita familiare, professionale, musica, sport, viaggi, ambiente, società, politica, proprio come avviene in una conversazione reale. Il colloquio è strutturato in modo da simulare una interazione naturale, presupponendo che, con l'aumentare del proprio livello di competenza, il candidato assuma maggiormente il controllo della conversazione durante l'esame. I requisiti linguistici, che il candidato deve dimostrare di riconoscere e saper utilizzare, aumentano ovviamente assieme al livello di esame sostenuto.

     Il syllabus di tutti gli esami Trinity si può facilmente adattare a tutte le metodologie di insegnamento. Gli esami sono strutturati in modo da dare fiducia al candidato, motivandolo ad utilizzare la lingua della comunicazione internazionale.

    La finalità del progetto “Trinity” sarà duplice: migliorare le competenze pragmatico-comunicative degli alunni in modo da avere una ricaduta positiva sull’andamento didattico curricolare e preparare gli studenti ad affrontare l’esame Trinity per il conseguimento della certificazione certificazione linguistica Trinity GESE – Spoken English for Speakers of Other Languages, (livello A2/B1 del Quadro Comune di Riferimento Europeo delle Lingue). Si ritiene che la certificazione Trinity, valida a livello europeo, spendibile nel corso degli studi, in ambito universitario e nel mondo del lavoro, rappresenti un valido strumento valutativo in quanto permette ad alunni, insegnanti e genitori di “misurare” la competenza linguistica raggiunta. L'esperienza dell'esame fornisce infatti a chi lo sostiene delle informazioni di ritorno circa le proprie capacità di comunicazione e comprensione in situazione reale con un native speaker: il successo di questa interazione può essere altamente gratificante.

Destinatari saranno gli studenti del biennio e del triennio (gruppi da max 15 studenti) che intendono rafforzare le proprie conoscenze e competenze curriculari ed ottenere una competenza certificata che li aiuti nel prosieguo degli studi e possa in seguito essere spesa nel mercato del lavoro.

     Il progetto si pone come obiettivi formativi generali la creazione di un clima di collaborazione, fiducia e comprensione all'interno del gruppo (peer tutoring – peer collaboration); l’incremento della disponibilità, dell’impegno e della partecipazione al dialogo educativo; lo sviluppo della fiducia nelle proprie capacità, dell’entusiasmo e dello spirito di iniziativa.

    Per quanto riguarda gli obiettivi specifici, si farà riferimento al “Quadro Comune Europeo di riferimento per le lingue straniere” proponendosi di raggiungere un livello di competenza comunicativa paragonabile a quella descritta come Livelli A2/B1 del QCER. 

    La lingua inglese sarà presentata un modo altamente motivante e in contesti di vita quotidiana, collegati all’esperienza degli alunni. Si adotterà un approccio comunicativo, basato su un sillabo funzional-nozionale teso a sviluppare le abilità linguistiche di base mediante l'apprendimento e la contestualizzazione delle funzioni in uso nelle interazioni di vita quotidiana. Si farà pertanto riferimento ad un metodo situazionale che darà spazio alla scoperta e coinvolgerà i corsisti attivamente, rendendoli protagonisti di un percorso formativo dinamico e interattivo. Si utilizzeranno tecniche partecipative sempre motivanti e coinvolgenti - cooperative learningrole playingpair and group workguided conversationsimulationcircle timebrainstorming - e strumenti e sussidi vari, cartacei e/o interattivi multimediali, materiale linguistico autentico. Contenuti, lessico e strutture saranno sistematicamente ripresi e ampliati in unità successive con una modalità a spirale.    Gli spazi in cui si esplicheranno le attività didattiche saranno, oltre le aule, il laboratorio linguistico, i laboratori informatici e ogni altro spazio messo a disposizione dall’istituto.

     Le attività di valutazione saranno strutturate in modo da rilevare e misurare i livelli di autonomia e di competenza linguistica, l’impegno, la partecipazione e la  sensibilità al dialogo e alla collaborazione. In particolare si effettuerà un test d’ingresso, un test finale e varie simulazioni di esame -  interview individualizzate e di gruppo -  relative all'area lessicale, semantica e sintattico-grammaticale di riferimento che rappresenteranno un momento particolarmente significativo per gli alunni in quanto essi avranno la possibilità di affrontare la prova orale con l’esaminatore madrelingua in maniera più distesa. La simulazione d’esame sarà inoltre un’occasione di auto-valutazione anche per gli alunni che, pur frequentando il corso, sceglieranno di non sostenere l’esame Trinity.

      La suddetta ipotesi progettuale sarà adattata sia al livello di partenza degli alunni che al livello di competenza linguistica da raggiungere per la certificazione esterna.

Torna all'indice dell'archivio

 

 

Vieni a studiare al Convitto

http://www.isissmatese.it/convitto - prima pubblicazione:  19/05/2020 

Sono ammesse iscrizioni in qualità di convittori e semiconvittori di studenti e studentesse iscritti alle scuole interne (ITA, ITI, Istituto tecnico  serale) e a tutte le scuole presenti sul territorio di Piedimonte Matese.

(in allegato il modulo di iscrizione)

Torna all'indice dell'archivio

 

 

PROGRAMMA “SCUOLA VIVA”

http://www.isissmatese.it/scuolaviva - prima pubblicazione: 09/02/2017

Sezione "SCUOLA VIVA" regione CAMPANIA

FSE Regione Campania "SCUOLA VIVA"

Bando Finanziato €. 54.980,00

PROGRAMMA “SCUOLA VIVA” ISISS Piedimonte Matese

Il progetto “SCUOLA VIVA - ISISS Piedimonte Matese” presentato nell’ambito del programma “SCUOLA VIVA”promosso dalla regione Campania con delibera n. 204 del 10/05/2016, è stato selezionato tra i progetti vincitori dal nucleo di valutazione istituito dal direttore generale per l’istruzione, formazione, il lavoro e le politiche giovanili. Il progetto  ha un impianto assolutamente operativo e laboratoriale e mira a far conseguire ai corsisti impegnati competenze trasversali e, in alcuni casi, certificabili e spendibili nel mercato del lavoro del territorio di appartenenza. Tutti i moduli  prevedono l’interazione con professionisti del settore di pertinenza, anche nell’ottica della formazione per l’alternanza scuola-lavoro e dell’acquisizione di una mentalità imprenditoriale . Si tratta di un’impostazione innovativa che è stata giustamente premiata dal nucleo di valutazione.

Il progetto è rivolto agli studenti interni e a quelli già diplomati che ancora non sono entrati nel circuito lavorativo e che non abbiano superato i 25 anni di età o anche a giovani fuoriusciti dal circuito formativo. E’ articolato in 6 moduli che si svolgeranno in momenti differenti durante l’intero anno scolastico. Per l’attuazione dei vari corsi l’istituto si avvarrà ,come partner, di enti, associazioni, aziende del territorio.

Ecco una breve presentazione dei sei moduli:

Modulo I Scuola…al sole  Rivolto agli alunni dell’indirizzo meccanica-energia dell’Istituto industriale, si propone di dare ai destinatari la possibilità di acquisire competenze specifiche riguardo alla qualifica di “Tecnico della progettazione, installazione e verifica di impianti fotovoltaici”. La durata del modulo è di 50 ore di cui 40 in situazione lavorativa presso l’azienda “Solar Energy” di Marcianise.

Al termine del corso, laddove compatibile, la scuola procederà al rilascio di una certificazione delle competenze acquisite in linea con quanto stabilito dalle normative nazionali e regionali in materia.

Modulo II Assaggiatore vini  Il corso di assaggiatore mira  a far cogliere la stretta connessione tra l’identità del vino e il suo territorio, inquadrandolo non solo come prodotto dell’agricoltura ma come substrato culturale che caratterizza la vita sociale ed economica del territorio di pertinenza. E’ rivolto agli alunni maggiorenni delle sedi ITA e ad alunni già diplomati che non abbiano ancora compiuto i 25 anni come già detto nella premessa.

La durata del corso, che sarà ospitato presso la sede del convitto annesso all’ITA, è di 30 ore e i partecipanti avranno, se interessati, la possibilità di conseguire la patente di assaggiatore. Partner per la realizzazione del corso saranno la sezione ONAV di Avellino e l’azienda vinicola Wartalia di Guardia Sanframondi.

Modulo III CAMBRIDGE PET  Il corso mira a potenziare la competenza linguistica dei corsisti, migliorandone le abilità comunicative e la consapevolezza che la lingua inglese  rappresenta  la lingua madre della comunicazione multimediale e delle attività imprenditoriali; perciò è fondamentale utilizzare i linguaggi settoriali delle lingue straniere previste dai percorsi di studio per interagire in diversi ambiti e contesti di studio e di lavoro. La durata del corso è di 50 ore e l’Istituto si avvarrà della partnership con la St Micheal’s English School di  Piedimonte Matese; i corsisti, se interessati potranno sostenere l’esame per la certificazione  Cambridge PET liv. B1 del QCER. 

Modulo IV INTRAPRENDO: alla scoperta delle startup. Il modulo si propone di diffondere la cultura d’impresa soprattutto riguardo ai nuovi modi di fare impresa. Si articola in un corso residenziale presso l’incubatore Italia (struttura partner Eurostart GEIE) a Rimini  in cui il percorso formativo sarà articolato su 30 ore da svolgersi in 4 giorni. E’ rivolto agli alunni delle classi terminali degli indirizzi Informatica ed Elettronica della sede ITI. Al termine i corsisti avranno  le competenze di base sui nuovi modi di fare impresa e in generale sulla gestione aziendale in modo da poterle facilmente adattare alle esigenze del territorio, alle proprie vocazioni o inclinazioni e ai fabbisogni di professionalità espressi dalle imprese che operano nei diversi settori della filiera produttiva e del  territorio.

Modulo V Conosciamo il GIS Il modulo illustrerà le funzioni operative principali di alcune piattaforme GIS (Geographical information System) e quindi introdurrà gli studenti alle tematiche di gestione informatica dei dati geografici. Destinatari del corso saranno studenti delle classi terminali dell’istituto e fuorisciti dal circuito scolastico per un minimo di 15 corsisti. In particolare studenti dell’indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio della sede ITI e studenti della sede ITA.

I contenuti del corso, che si articolerà su 50 ore, faranno riferimento ai tre moduli previsti dal Syllabus per la certificazione; infatti al termine del percorso i corsisti interessati potranno sostenere l’esame per la certificazione ECDL-GIS presso il nostro test center. Partner per la realizzazione del corso sarà l’IRFoRM di Benevento.

Modulo VI IMPARAR TEATRANDO  Si tratta di un modulo di laboratorio teatrale che si  pone come obiettivi il miglioramento della capacità di relazionarsi agli altri, lo sviluppo della socializzazione e dello spirito di collaborazione reciproca attraverso azioni che favoriscano l’inclusività  e promuovano la reciproca conoscenza tra i giovani con abilità, cultura, lingua e tradizioni differenti. Destinatari del corso saranno studenti dell’ISISS e fuorusciti dal circuito scolastico, alunni con   BES, entro i 25 anni per un minimo di 20 corsisti. Nella fase realizzativa del progetto, inoltre, saranno coinvolti anche i genitori dei partecipanti.

Il modulo avrà la durata di 30 ore e terminerà con una rappresentazione finale in uno spazio comunale. Partner per la realizzazione del modulo sarà l’Associazione cooperatori salesiani di Piedimonte Matese. 

Tutti i Documenti ISISS Piedimonte Matese - SCUOLA VIVA (stampe pdf degli articoli)

Convocazione Collegio dei Docenti

Bando pubblico TUTOR interni - SCUOLA VIVA

Bando pubblico CORSISTI - SCUOLA VIVA

La graduatoria provvisoria tutor interni progetto SCUOLA VIVA.

La graduatoria DEFINITIVA tutor interni progetto SCUOLA VIVA.

Convocazione Collegio Docenti

Selezione docenti per moduli SCUOLA VIVA

Bando pubblico per la selezione e il reclutamento di docenti interni all’Istituto - Scuola Viva

Allegato: bando-codocenti-interni-allegato%281%29.doc

Bando pubblico per la selezione e il reclutamento di docenti interni all’Istituto - Scuola Viva - ALLEGATO

Allegato: bando-codocenti-interni-allegato_%281%29%281%29.doc

Presentazione progetti SCUOLA VIVA

Allegato: manifesto-scuola-viva-piedimonte-m%281%29.pdf

Presentazione progetti SCUOLA VIVA - Video

Piedimonte Matese, presentati i progetti SCUOLA VIVA

Elenco alunni selezionati INTRAPRENDO - START UP / IMPARA TEATRANDO

Attività modulo “SCUOLA AL SOLE” organizzazione e orari.

GRADUATORIA CO-DOCENTI SCUOLA VIVA

ISISS PIEDIMONTE MATESE, una “Scuola Viva”

 

Torna all'indice dell'archivio

 

 

PROGETTO Aree a Rischio

http://www.isissmatese.it/2016-2017-Art9 - pubbl.: 04-2016

PROGETTO Aree a Rischio

ANNO SCOLASTICO 2016/17

Art.9 CCNL Prot. AOODRCA.R.U. 5838/U Napoli, 21.04.2016

 TITOLO: STUDIAMO INSIEME

 

Finalità generali

Le attività del presente progetto sono finalizzate a contrastare la dispersione dovuta all’ insuccesso scolastico. I percorsi proposti puntano  su didattiche inclusive.

Inoltre si intende coni moduli di metodologia  agevolare il processo di orientamento interno ed esterno, sì da facilitare gli allievi nella consapevolezza della scelta degli studi successivi e facilitarli nel progetto di vita.

Destinatari

ALUNNI A RISCHIO DISPERSIONE DEL BIENNIO DELLE TRE SEDI

ALUNNI A RISCHIO ABBANDONO TRIENNIO DELLE TRE SEDI

Sedi scolastiche coinvolte:

ITIS CASO PIEDIMONTE MATESE

ITA COPPOLA PIEDIMONTE MATESE

ITA FORMICOLA

 Attività per le classi del biennio

Per le classi del biennio l’istituto intende potenziare una serie di attività didattiche già sperimentate  con successo in precedenza, a cui  si  vuole dare maggiore sistematicità. In particolare  si prevedono:

•Attività di didattica  pomeridiana “a sportello”  per interventi mirati, su richiesta degli alunni (piccoli gruppi) ad orario modulabile, per il recupero e per il potenziamento conoscenze e di competenze, con la guida di  un tutor scolastico.

•Attività di rinforzo delle competenze metodologiche, mediante esercitazioni su  tecniche di metacognizione, di elaborazione di schemi, mappe mentali e concettuali e mediante l’elaborazione di compiti di realtà, attività sollecitate anche dai genitori in più occasioni.

 Attività Per le classi del triennio.

Dalle richieste e proposte   degli alunni, emerge l’esigenza di dedicare spazi ad approfondimenti pratici  su attività  laboratoriali.

Pertanto le attività individuate per il corrente anno scolastico sono sintetizzate nello schema seguente, distinte per indirizzi di studio:

Sede ITI CASO

ATTIVITA’

Biennio/

triennio

ore

DIRITTO ( recupero a sportello

biennio

10

DIRITTO ( recupero a sportello)

biennio

10

CHIMICA  ( recupero a sportello)

biennio

10

ITALIANO  (ITALIANO  base biennio e triennio finalizzato al recupero di competenze morfo sintattiche  Con particolare attenzione agli alunni stranieri

biennio

10

METODOLOGIA  (metacognizione applicata alla lettura,  mappe concettuali, mappe mentali, elaborazione di schemi logici per esposizione orale)

Biennio/

triennio

10

METODOLOGIA  schemi logici per esposizione orale e tutoraggio per verifiche su richiesta degli alunni.

Biennio/

triennio

10

INGLESE (GENERAL ENGLISH, TRINITY SYLLABUS)

biennio

10

FISICA ( elementi di base didattica a sportello LABORATORIO)

biennio

10

FISICA ( elementi di base didattica a sportello )

biennio

10

INGLESE (MICROLINGUA: INFORMATICA, ELETTRONICA, EDILIZIA, MODA, MECCANICA)

triennio

10

ARDUINO 

triennio

15

PLC

triennio

15

 

 

Sede ITA COPPOLA

ATTIVITA’

Biennio/triennio

ore

ITALIANO

ITALIANO  (italiano  base biennio finalizzato al recupero di competenze morfo sintattiche

 Con particolare attenzione agli alunni stranieri 

8

INGLESE

INGLESE (GENERAL ENGLISH/ microlingua )

12

ITALIANO

ITALIANO  (italiano  base biennio finalizzato al recupero di competenze morfo sintattiche

 Con particolare attenzione agli alunni stranieri 

8

ESERC AGRARIE

apicoltura

12

MATEMATICA

Recupero

10

MATEMATICA

Recupero

10

 

 Sede ITA FORMICOLA

Italiano

Attività di recupero

7

Inglese

Attività di recupero

6

Diritto

Attività di recupero

7

 

Le attività saranno organizzate secondo il calendario a questo link .

Torna all'indice dell'archivio

 

 

Formazione dei Docenti 2016-2019

http://www.isissmatese.it/menu-principale/formazione-dei-docenti-2016-2019 - del 10/2016

Roma, 3 ottobre 2016

Giannini: “Al via Piano da 325 milioni per la formazione dei docenti.
Valorizzare la crescita professionale degli insegnanti è uno 
dei pilastri per il miglioramento del sistema”
Dalle lingue, al digitale, alla scuola inclusiva, nove priorità 
nazionali e percorsi di qualità

Link articolo stampa

Il Miur assume la regia nazionale della formazione: stabilisce le priorità, ripartisce le risorse, monitora i risultati delle attività, sviluppa accordi nazionali con partner della formazione. Le scuole, sulla base delle esigenze formative espresse dai singoli docenti attraverso i Piani individuali di formazione, progetteranno e organizzeranno, anche in reti di scuole, la formazione del personale. Ogni docente avrà un portfolio digitaleche raccoglierà esperienze professionali, qualifiche, certificazioni, attività di ricerca e pubblicazioni, storia formativa. Le attività formative saranno incardinate nel Piano dell’Offerta e saranno perciò coerenti con il progetto didattico di ciascun istituto. La formazione potrà svolgersi in modo diversificato: con lezioni in presenza o a distanza, attraverso una documentata sperimentazione didattica, attraverso la progettazione. 
Saranno finanziate le migliori ‘startup della formazione’: il Miur promuoverà la ricerca, la sperimentazione, incentivandole a lavorare insieme a strutture scientifiche e professionali per la costruzione di percorsi innovativi di formazione. In collaborazione con INDIRE sarà realizzata una Biblioteca digitale scientificamente documentata delle migliori attività didattiche e formative.

Torna all'indice dell'archivio

 

 

Abbonamento gratuito ai mezzi del trasporto pubblico per gli studenti campani.

http://www.isissmatese.it/abbonamentogratis - del: 31/08/2016

Grazie a uno stanziamento di 15,6 milioni da parte della Regione Campania, dal 1° giugno 2016 gli studenti fino a 26 anni che utilizzano i mezzi del trasporto pubblico con abbonamento annuale, potranno presentare domanda per andare a scuola gratis. 

Per ottenere l'abbonamento gratuito - che non ha precedenti in Campania - sarà sufficiente presentare presso gli sportelli del Consorzio UnicoCampania:

  • il certificato di residenza e di iscrizione a scuola o all’università (dato che la Regione finanzierà l'abbonamento per il tragitto da casa a scuola/università); 
  • il modello ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) del nucleo familiare: sono ammessi al beneficio tutti gli studenti il cui reddito ISEE familiare sia inferiore a € 35.000, che corrisponde mediamente ad un reddito lordo familiare di circa €100.000.  

Si tratta della quasi totalità della popolazione scolastica, ossia circa il 95 per cento. 

Torna all'indice dell'archivio

 

 

Dislessia Amica

http://www.isissmatese.it/articolo/dislessia-amica

Torna all'indice dell'archivio

 

 

INTERCULTURA

http://www.isissmatese.it/intercultura - del: 25/02/2017

La scuola in Repubblica Ceca che ospiterà la classe dell'ISISS Piedimonte Matese

Scuola partner - www.spsjedovnice.cz

Sito Intercultura

Scambi di classe

Torna all'indice dell'archivio

 

 

Il tesoretto dell’Istituto Tecnico Agrario di Piedimonte Matese

Una collezione di semi ultraottantenne: il tesoretto dell’Istituto Tecnico Agrario di Piedimonte Matese.

Una collezione di semi di oltre cento varietà diverse risalente quasi per intero all’era fascista è ancora conservata nel laboratorio di scienze dell’Istituto Tecnico Agrario di Piedimonte Matese.

I semi sono conservati con naftalina in piccoli contenitori di vetro  sigillati con ceralacca, stipati in due armadietti con ante di vetro.

L’etichetta riporta la scritta della varietà eseguita ad inchiostro con un pennino ed in tutto in ogni contenitore è conservato poco più di un pugno di semi.

Si tratta di centinaia di contenitori all’interno dei quali c’è un po’ di tutto, dalla cipolla al peperoncino, dal fagiolo bianco cannellino al pomodoro regina margherita (uno degli ingredienti di quella che oggi è chiamata pizza Margherita, dedicata appunto alla regina ), dal grano Rieti al trifoglio, su alcuni contenitori l’etichetta non è più presente e ciò rende momentaneamente inutilizzabili i semi in quanto non classificabili, altre etichette sono parzialmente riconoscibili ma … fra le tante specie e varietà sicuramente riconoscibili ve ne sono molte di grano.

(pomodoro Regina Margherita)

Avrete sicuramente sentito parlare della varietà di grano Rieti e dei grani ottenuti da Nazareno Strampelli in epoca fascista incrociando questa varietà con altre, avrete sentito parlare del Gentil Rosso, del Falerna,  del Mentana, dell’Odessa duro, del Dauno , della segale,  dell’orzo nostrano, dell’avena delle Puglie … ebbene queste varietà sono parte della collezione.

(Alcune ampolle con i semi di grano delle varietà Dauno, Odessa duro, Rieti e Mentana)

(Spighe di grano Mentana)

E’ straordinario perché se riusciremo a farli germinare, come è probabile, questi semi avranno saltato 80 generazioni e potranno essere conservati per almeno altrettanti anni anche con la tecnica semplice come quella già utilizzata, fra l’altro ci sono già candidature di aziende ed Enti che vogliono impegnarsi a custodire queste varietà coltivandole seguendone per nostro conto la coltivazione.

Sulla germinabilità qualche speranza c’è, i semi sono sani e mi raccontano che già tre anni fa è stata sperimentata la germinabilità su una varietà di pomodoro aprendo e chiudendo il piccolo contenitore e prelevando alcuni semi.

Ebbene, non ci crederete, questi semi ultraottantenni, contrariamente a tutte le aspettative, sono germinati dando una pianta e un frutto e il pomodoro regina margherita è riuscito a sopravvivere ben 80 anni.

L’idea è quella di far germinare le varietà di grano in modo da rinnovarne i semi e conservarli per almeno altri 80 anni e di produrne quantità sufficienti per la divulgazione senza escludere la possibilità di produrne a sufficienza per panificare presso il convitto per uso interno. E qua, il forno costruito con vecchi coppi frantumati e la planetaria sono pronti da tempo …

La ricerca in archivio deve essere ancora portata a termine, ma la collezione è riportata in un libro dell’inventario redatto fra il 1938 e il 1942 fra i materiali del laboratorio di scienze e probabilmente risale ad un periodo antecedente al 1938 ed in particolare agli anni della Battaglia del Grano, combattuta a partire dal 1925.

Quindi per quest’anno l’obiettivo è semplice: far germinare e coltivare alcune varietà di grano per garantire la riproduzione di seme nuovo per poi arrivare a produrne quantità accettabili per la semina.

Nell’azienda di Alife quest’anno a fine giugno abbiamo raccolto grano della varietà detta francese e per il prossimo anno abbiamo seminato segale di Letino il cui seme è stato selezionato con una antica svecciatrice e in futuro, si mira a riprodurre le varietà del tesoretto. … disponibilità del terreno permettendo, vista la scellerata delibera di G. P. n. 24 del 1 aprile 2014 consultabile sull’albo pretorio della Giunta Provinciale di Caserta (http://www.provincia.caserta.it/it/web/albo-pretorio/delibere-di-giunta) che sostanzialmente sottrae all’Istituto Tecnico Agrario tutto il terreno fertile dell’Azienda di via Fontanelle e lo affida al comune di Alife … delibera che l’Istituto si accinge a contestare con ogni mezzo in tutte le sedi possibili.

Intanto presso l’Istituto Agrario, come al solito si cerca di andare al sodo, per cui a costo zero, si sta realizzando la serra necessaria ed i prof.ri Massaro Antonio e Lombardi Antonio, insegnanti competenti in materia, stanno curando questa prima fase di classificazione delle varietà ed il tentativo di germinazione del grano, per passare in futuro alla semina di quest’ultimo e alla germinazione delle altre specie e varietà in collaborazione con partner che ne sappiano apprezzare il valore.

Il dirigente

Nicolino Lombardi

Torna all'indice dell'archivio

 

 

Lavoro 2019

 

Torna all'indice dell'archivio

 

 

Bilancio Positivo per l'Azienda dell'ISTITUTO TECNICO AGRARIO

Articolo esterno (fonte): https://www.clarusonline.it/2020/12/14/piedimonte-matese-bilancio-positivo-per-lazienda-dellistituto-tecnico-agrario-raccolto-abbondante-anche-questanno/

Piedimonte Matese, bilancio positivo per l’azienda dell’Istituto Tecnico Agrario. Raccolto abbondante anche quest’anno

Olio, vino, tartufi, grani e sagale: le generose terre del territorio matesino premiano anche gli studenti dello storico Istituto nato dalla famiglia Borbone. Ottima la collaborazione con i contadini del territorio e presto una convenzione con la Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Salerno.

Angela Cinotti – Mentre proseguono i lavori di ristrutturazione e adeguamento antisismico della sede storica dell’Istituto agrario, l’azienda che ne è parte integrante raccoglie i frutti delle attività svolte quest’anno.

L’amore per il proprio territorio e per i suoi prodotti e l’impegno per un’agricoltura sostenibile con prodotti a km zero, caratterizzano il lavoro svolto nell’azienda dell’ITA “Coppola”. L’azienda  possiede un uliveto e un vigneto che quest’anno hanno prodotto 750 litri di ottimo olio extravergine di oliva  e 2300 litri di vino tra Aglianico, Falanghina e Greco di tufo. Da due anni c’è anche una tartufaia, creata in collaborazione con lo STAPA CEPICA di Caserta, che viene curata dagli studenti in un percorso di alternanza scuola lavoro e nel periodo di sospensione delle attività didattiche è affidata, come tutta la cura delle colture, agli 8 addetti all’azienda in forza al personale ATA dell’Istituto.

Il risultato più soddisfacente e più interessante della produzione di quest’annata 2020 così particolare ma fortunatamente positiva almeno per l’agricoltura del territorio, tuttavia, è stata la buona produzione di farine di grano e di segale ottenute dalla molitura in mulini locali dei cereali coltivati nel terreno dell’azienda ma anche in terreni di proprietà dei contadini “custodi”, piccoli proprietari del territorio, che hanno scelto di accettare la “scommessa” del dirigente scolastico, prof. Nicolino Lombardi, con il progetto “Grani antichi”. Si è partiti da semi selezionati di grani locali acquistati o donati da coltivatori e seminati in azienda o affidati ai contadini custodi che li hanno coltivati nei loro terreni; per altre varietà sono state selezionate le spighe e il prodotto è stato seminato per fare sementi per il prossimo anno. Per la segale è stata selezionata, sempre all’interno dell’Istituto, una varietà estiva montana che già da 7 anni viene coltivata. Il risultato quest’anno è stata una buona produzione, in termini qualitativi e quantitativi, di farina00 e integrale e semola. 

Le farine dell'Istituto Agrario di Piedimonte Matese agrario piedimonte matese (2)

Tutti i prodotti sono ora in vendita presso la sede dell’Istituto Industriale e nello spaccio dell’azienda situato presso la cantina dell’Istituto Agrario. 

Ulteriore motivo di soddisfazione per l’impegno profuso in quest’attività è stato l’inatteso riconoscimento arrivato dalla Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Salerno che, tramite la prof.ssa Enrica De Falco ha chiesto al prof. Lombardi di coltivare in azienda una varietà di segale fornita da loro per fare una comparazione dei prodotti. È nata così una collaborazione che porterà il dipartimento di Farmacia di Salerno a sottoscrivere la convenzione con cui entrerà a far parte del Comitato Tecnico Scientifico dell’ISISS di Piedimonte Matese.

La cantina dell'azienda di proprietà dell'istituto studenti agrario piedimonte 

 Agrario-Piedimonte-Matese-2 Agrario-piedimonte-matese-4istituto-agrario-piedimonte-matese-2